Contattaci
Avvisi
F.A.Q.
Richiedi informazioni





Utilizzando questo form autorizzo il trattamento e la gestione dei miei dati personali su questo sito.

La nostra scuola dell’infanzia: una piccola grande parentesi di normalità!

In un momento difficile che vede la distanza essere ovunque protagonista, abbiamo pensato di raccontare, con semplicità e amore, quello che è una piccola parentesi di normalità: il tempo passato nella nostra scuola dell’infanzia.

Questo è un tempo in cui le mamme devono iscrivere i propri bimbi alla scuola dell’infanzia.

Si pongono domande:

  • come avverrà l’inserimento senza poter entrare a scuola per le norme anti-Covid?
  • I bimbi come si comporteranno vedendo le maestre con le mascherine?

La nostra coordinatrice della scuola dell’infanzia Corbucci-Verni, vuole rassicurare i genitori:

Mi rendo conto che sia importante, in questo momento, raccontare come è andato l’inserimento dei bimbi più piccoli l’anno scorso. Ci aspettavamo momenti di crisi, bimbi che non volessero tornare, e invece siamo rimaste piacevolmente stupite.

I bambini si sono dimostrati estremamente resilienti e si sono adattati alle nuove norme per l’inserimento in maniera eccellente! Essi rispecchiano il nostro atteggiamento di adulti, e rassicurando i genitori, curando nel dettaglio ogni aspetto emozionale ad personam (ovvero specifico per ogni bambino), anche i piccoli si sono affidati con naturalezza.

 

Conciliare norme di sicurezza con le attività di sempre: il risultato è stato eccellente!

Quella che noi chiamiamo “una piccola parentesi di normalità” è l’atteggiamento e lo spirito che facciamo respirare ai nostri bambini.

Nonostante ci sia stata una progettazione precisa delle routine per il rispetto della norme anti-Covid, quello che stanno vivendo i bambini nella scuola dell’infanzia si avvicina molto all’ attività regolare.

Abbiamo diviso le sezioni in “bolle” precise. I contatti tra i bambini sono concessi solo tra i compagni di sezione. Le attività all’aperto, l’utilizzo degli spazi comuni  sono tutti calibrati sulle norme di sicurezza ministeriali e alternati tra sezioni. Gli ingressi a scuola avvengono direttamente nella sezione di appartenza.

Ma all’interno di ogni bolla, il piano formativo, empatico, didattico e evolutivo è quello di sempre, applicato con passione dalle nostre insegnati.

Il coinvolgimento dei genitori nonostante le distanze

Marta afferma con decisione che i genitori devono essere coinvolti e informati riguardo le attività a scuola. Il genitore deve essere considerato parte integrante dell’ambiente educativo e didattico. Come colmare le distanze che questa pandemia ci ha imposto? Ce lo spiega Marta.

Noi abbiamo messo in atto una strategia di condivisione per far vivere più aspetti possibili della scuola ai genitori. I lavorini, gli elaborati, i disegni: vengono portati  a casa. Inoltre, ogni mese e mezzo organizziamo un incontro on-line diviso per sezione dove le insegnanti si confrontano con i genitori e raccontano le attività.

Vengono mostrate foto, raccontati aneddoti e si descrive l’atmosfera in cui i bambini vivono ogni giorno.

Vogliamo dare un filo di continuità, per avvicinare i genitori alle nostre attività e renderli partecipi. Cerchiamo di focalizzarci sul bambino ma anche sulla famiglia, affinché questa preziosa sinergia possa giovare il più possibile alla crescita emotiva e fisica dei nostri bambini.